una casa che accoglie

Abbiamo fatto molta strada

Oggi la Casa di Chiara è una struttura di accoglienza residenziale per donne in gravidanza che si trovano ad affrontare da sole la maternità e donne con bambini piccoli, con difficoltà personali e/o relazionali con i rispettivi bambini.
Lo scopo dell’accoglienza a Casa di Chiara è quello di supportare le donne in un percorso di autonomia, a partire dalle loro risorse personali, offrendo un luogo di condivisione, ascolto, accompagnamento e sostegno.

La casa è dove si trova il cuore
Plinio il Vecchio

Il sogno di Chiara

Il progetto nasce dal desiderio di Chiara Farina,
una donna che ha vissuto la sua vita come dono agli altri e ha lasciato in eredità al CAV la realizzazione del suo sogno: che la sua Casa
diventasse un luogo dove donne in gravidanza, mamme sole con bambini, in condizioni di disagio potessero sentirsi accolte

La casa ieri

Il CAV, grazie al sostegno della Banca di Credito Cooperativo di Carugate e la Fondazione Cariplo, ha provveduto alla ristrutturazione dell’edificio donato da Chiara Farina e alla realizzazione di quella che oggi è la Casa di Chiara.
Qui sopra, una foto della casa al momento della donazione


Casa di Chiara oggi

Dispone di 4 camere singole dotate di servizi igienici personali e di locali comuni (cucina, soggiorno, sala giochi, lavanderia, e un ampio spazio verde).
Sono presenti: un’équipe di professionisti, alcuni volontari e una famiglia residente, che costituisce uno speciale punto di riferimento nella vita quotidiana delle ospiti

Lo spazio assistenza

Le ospiti sono supportate da professionisti e volontari e la casa dispone di un ufficio per i colloqui

La casa e il territorio

E’ anche uno spazio aperto al territorio: i laboratori di cucina, di cosmesi naturale, gli incontri con i gruppi parrocchiali hanno permesso alle ospiti di allargare la loro rete di conoscenze e amicizie con i residenti del territorio

Le attività

Non mancano le attività per divertirsi con i bambini: le feste della mamma, di Natale e Capodanno, lo studio e i giochi nell’apposita sala o negli spazi verdi all’aperto

Torna su